Articoli

Reti Wireless e ADSL

La rete ideale: quando la velocità è basilare, meglio scegliere la LAN via cavo(in BLU), sopratutto per i pc destinati al lavoro. Il notebook sarà collegato via WLAN.

 

 

Rete idealeRETE VIA CAVO

 

Il bitrate migliore si ottiene con i cavi. Un collegamento via Fast Ethernet (100Mb/s) offre una velocità che lo standard WLAN più recente, 11n, raggiunge solo in condizioni ottimali e con ridotta distanza fra i pc; nessuna tecnica di rete può competere con la velocità di Gigabit Ethernet. Inoltre, i costi sono molto bassi: un’interfaccia Fast Ethernet è presente anche nei pc e nei notebook più economici. Anche in fatto di sicurezza e portata, la rete via cavo non conosce rivali.

Senza accesso diretto alle frequenze radio non si può spiare la trasmissione dei dati. Inoltre la distanza massima fra due stazioni LAN, cento metri, è più che sufficiente per una rete casalinga.

Lo svantaggio principale della LAN è la difficoltà d’installazione. Collegare i pc al cavo è facile, ma quest’ultimo non deve tagliare in due l’appartamento: va dunque nascosto lungo le pareti o sotto la moquette.

 

WIRELESS (WLAN)

La rete via radio è indiscutibilmente la più comoda: niente cavi per casa, liberta di movimento con il notebook e collegamento continuo. La WLAN è una soluzione dai costi modesti: un router può costare da 80 euro a 200 euro, secondo le dotazioni; inoltre in seguito a contratti fatti con le principali compagnie telefoniche, vi lasceranno assieme alla linea, un router in comodato d’uso. I punti deboli della WLAN sono velocità, raggio di azione e sicurezza: il bitrate massimo è attualmente compreso fra 80 e 100 Mb/s, ma solo in un raggio di azione di cinque metri. All’aumentare della distanza, il bitrate di riduce in modo variabile, secondo una serie di fattori di disturbo delle onde radio: mobilio, persone o la presenza di altre WLAN. In ambito di sicurezza diventa fondamentale tutelarsi attivando la decodifica WPA(2), opzione presente nelle componenti WLAN più aggiornate.

POWERLINE

Quando la WLAN non riesce a collegare i pc che si trovano in n’altra stanza o su un altro edificio, viene in soccorso la connessione via rete elettrica. Si tratta di una connessione che in Italia non ha avuto particolare successo. L’installazione non è difficile: tutte le stanze sono provviste di prese e cavi elettrici. Ogni computer da collegare a Powerline richiederà un adattatore. Anche la Powerline ha i suoi problemi però: non si può sapere in anticipo se funzionerà efficacemente nell’ambiente domestico. Il flusso dei dati dipende molto da configurazione e qualità della linea di distribuzione, oltre che dal numero di utenti. Inoltre è necessario utilizzare una combinazione di standard Powerline uguali.

Come è composto il tuo pc

Oltre al suo scopo puramente funzionale, il telaio destinato a integrarsi in un ambiente dovrebbe essere anche sobrio ed elegante qualora si trovi in uno spazio in cui per esigenze lavorative potreste ricevere dei clienti. E’ vero che l’abito non fa il monaco, ma è sempre meglio avere uno strumento di lavoro che si presenta bene all’occhio del vostro interlocutore.
Con gli applicativi in esecuzione simultanea, alcuni dei quali sempre attivi in background come l’antivirus, un processore con tecnologia multi core è senza dubbio la soluzione perfetta. Se il vostro modello di lavoro prevede l’elaborazioni di grosse moli di dati preferite le CPU con frequenza operativa elevata. Una configurazione utilizzata per il lavoro deve garantire stabilità e per questo motivo sconsigliamo qualunque tipo di overclock o impostazione che si discosti dai parametri operativi standard dell’hardware impiegato. AMD e Intel offrono entrambe soluzioni multi core dal costo contenuto proprio per questo tipo di configurazioni.
In linea generale un chipset con grafica integrata di generazione recente fornisce tutto il necessario per lavorare con le applicazioni da ufficio. La scelta ideale per disporre di un sistema più reattivo è quella di optare per una scheda grafica discreta di fascia bassa; grazie alla memoria locale e alla maggiore potenza di calcolo l’interfaccia grafica risulterà più fluida anche alle risoluzioni elevate, così come più facile sar la gestione di un eventuale secondo monitor.
La quantità di memoria necessario a garantire un funzionamento fluido del Pc dipende, in primo luogo, dai requisiti consigliati per il sistema operativo e in secondo luogo dal tipo di applicazioni che si utilizzano. Utilizzando Windows Vista Business e i più comuni pachetti per la produttività personale e per l’ufficio, 2 gigabyte sono la scelta minima e anche quella ideale se non utilizzate applicativi con particolari esigenze. I sistemi che ricadono nella categoria Soho utilizzano nella quasi totalità dei casi memoria di tipo Ddr2 a tutto vantaggio investire in moduli ad alte prestazioni, ma l’importante è acquistare un kit composto da due moduli da 1 Gbyte per sfruttare il doppio canale di memoria utilizzato dalle piattaforme attuali.
La soluzione standard implementata su tutte le schede madri moderne è la connessione cablata di classe Gigabit. Questa copre tutte le esigenze di reti locali più o meno complesse. L’aggiunta di n router Wireless dotato di un minimo di funzioni di sicurezza come il firewall permette di predisporre un ambiente di lavoro garantendo al tempo stesso una prima protezione dall’ambiente esterno.
Windows o Linux sono entrambe soluzioni valide per un ambiente casalingo o d’ufficio. Tuttavia lampia diffusione della piattaforma Windows, congiunta alla maggiore disponibilità di pacchetti commerciali rivolti al mercato dell’office automation, rendono Windows XP Professional o windows vista business una scelta ideale.

SKY Service

oki

 

Facebook